Blog

  1. La tradizione dei fuochi per la Venuta della Santa Casa

     E’ tradizione antica, e tutt’oggi esistente , accendere fuochi la sera del 9 dicembre per la venuta della Santa Casa.

    Queste accensioni assumevano nomi diversi:dal più semplice “falò”,ai cosiddetti “focaracci”,(forse per la grandiosità dei fuochi che venivano accesi) nel maceratese o nel fermano:ad Ancona invece i “fugaroni” o “fugarò”;nell’ascolano “le fochere”; a San Severino Marche “li focarù” etc…..

    Ci racconta il Ginobili che ad Ancona ogni rione aveva il suo piazzale dove accendere il fuoco. Nelle campagne l’impegno veniva preso da famiglie singole o riunite in gruppi che li accendevano nell’aia;negli agglomerati urbani l’iniziativa veniva assunta dalle comunità rionali o parrocchiali. Nell’ascolano,secondo Isa Tassi, la preparazione della fochera era lenta: talvolta iniziava una settimana prima. Ogni rione aveva la sua fochera: si raccoglieva dan

    Leggi di piu' »
  2. La Venuta della Santa Casa a Loreto

    La notte tra il 9 e il 10 dicembre si festeggia a Loreto la “ venuta “ della santa casa nel 1294. In merito alla parola venuta si legge nella rivista “ la vergine di Loreto “ del 1894 – la venuta e’ parola antonomastica per significare qua nella marca (la regione marche) la piu’ celebre, la piu’ portentosa di ogni venuta, quella cioe’ della santa casa nel nostro territorio – e’ da aggiungere anche che in altre regioni questa festa assume nomi diversi In Umbria prevale la denominazione di passaggio o gran passaggio. Narrava padre angelo d’Anghiari nel 1959 che trovandosi a Cascia un 23 dicembre vide un ragazza sui 12 anni con una mano fasciata, alla domanda su che cosa gli fosse accaduto rispose – mi sono ferito la notte del passaggio – lui non capi’ cosa fosse e il ragazzo lo guardo’ con meraviglia e gli disse – ma lei non sa che il 10 dicembre e’ il passaggio della madonna di Loreto ?- L’autore aggiunge che in qualche zona della toscana la festa viene chiamata - il gran tragit

    Leggi di piu' »
  3. Il salame Fabriano

    E' fra i più storici ,apprezzati e tradizionali salumi delle Marche:il salame Fabriano
    Leggi di piu' »
  4. Aglio marinato - Curcumaglio

    Il curcumaglio è preparato da una piccola aziendina che, in collaborazione con l’università degli studi di Camerino, voleva produrre un prodotto innovativo che avesse anche tanti benefici per il nostro organismo.

    Lo studio scientifico intrapreso in collaborazione con l’Università di Camerino ha evidenziato nel curcumaglio la presenza di allina e curcuminoidi : lo studio dimostra che il processo di marinatura mantiene inalterata l’allina,tenendo un sapore molto delicato.

    La curcuma è una spezia con proprietà antinfiammat

    Leggi di piu' »
  5. Bibita Campagnola

    Oggi vi proponiamo una ricetta semplice ma ottima per cercare di alleviare la sete in queste calde giornate estive : la bibita campagnola.

    Leggi di piu' »
  6. lonzino di fico

    è un prodotto tipico soprattutto nella Vallesina anche se qualche notizia ci arriva anche da altri piccoli centri limitrofi a questa valle . Va conservato a temperatura ambiente ed è molto buono, oltre che come dessert, solo o con l'aggiunta di un pò di sapa o cioccolato
    Leggi di piu' »
  7. rivestimento marmoreo della Santa Casa di Loreto

    fu voluta da Papa Clemente VIII in occasione del terzo centenario della traslazione della Santa Casa del 1595 . Per i più affamati di conoscenza riportiamo la traduzione in italiano del testo voluto dal Papa :
    Leggi di piu' »
  8. I PACCASASSI

    I germogli e le foglie più giovani si raccolgono in primavera e in estate . Già nel 1572 troviamo notizie di questa erba :
    Leggi di piu' »
  9. crema fritta

    Ingredienti per 4 persone: 4 rossi d’uovo +2 uova intere 4 cucchiai di zucchero 4 cucchiai di amido di mais (o farina bianca tipo 0) ½ litro di latte –buccia di limone Un bicchierino di Anisetta Pane grattugiato –poca farina Olio di semi per friggere
    Leggi di piu' »
  10. storia della ceramica durantina -parte seconda

    ….in questo articolo riprendiamo e finiamo la storia della ceramica durantina da dove l’avevamo lasciata. Siamo sempre nel 1500 nel massimo splendore di questa meravigliosa ceramica: colori incredibilmente brillanti e incredibilmente raffinati
    Leggi di piu' »
Pagina